Intossicazione a scuola a Lumezzane: è una bravata. Uniti per trovare i colpevoli

1

L’intossicazione che ha portato al ricovero di ventisei alunni dell’istituto professionale “Don Angelo Tedoldi” di Lumezzane è stato provocato dalle esalazioni di un liquido versato nei dispenser del sapone a cui qualcuno ha dato fuoco.

Con ogni probabilità si tratta della bravata di qualche studente dal momento che l’esalazione è partita dai bagni dei maschi. Ora però le famiglie dei ragazzi intossicati, come anche il sindaco Matteo Zani e la dirigente scolastica Michela Bugatti, vogliono trovare il responsabile, o i responsabili. Tutti i giovani finiti in ospedale sono stati dimessi nel giro di poche ore, ma qualcuno il giorno dopo non è tornato in classe. Tutti sono d’accordo sul fatto che l’azione di vandalismo non vada minimizzata. In tal senso i carabinieri hanno formalizzato una segnalazione per danneggiamento aggravato verso ignoti e chiederanno l’autorizzazione ai genitori degli alunni per interrogare i figli alla ricerca di risposte.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome