Nuova rimozione delle coperte per i senzatetto della stazione

0

Era già successo a dicembre quando la Polfer aveva rimosso le coperte di quattro clochard, tre italiani e uno straniero, abbandonate nei pressi della stazione, ed è successo altre due volte questa settimana. L’ultimo episodio mercoledì quando gli agenti hanno trovato appena fuori dalla stazione altre coperte e sacchi a pelo che i senzatetto che lasciano lì durante per poi tornare a prenderli per la notte.

A richiamare l’attenzione sulla vicenda sono (ancora) i Good Guys, un gruppo di volontari che presta assistenza ai clochard che vivono nella nostra città, che raccontano: “L’eliminazione delle coperte dei clochard prosegue. Ci rinunciamo, possono nascondere bombe nel sacco della coperta e danneggiano l’immagine della città”, canzonano i volontari. Da parte sua la Polfer risponde che sta solo eseguendo gli ordini del ministero in fatto di pubblica e decoro.

I volontari hanno ricordato però che durante un incontro tra Loggia e Trenord sul tema dei clochard era stato proposto di mettere a disposizione dei senzatetto due stanzette dismesse nei pressi del binario uno per permettere loro di conservare le coperte “ma non se ne è fatto nulla”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ripulire dell’immondizia nella stazione è un bene fondamentale di una società civile. Ma vogliamo tornare alle malattie degli anni ’50?

  2. “Good guys”, invece di “canzonare” potreste fare così: alla mattina passa uno di voi a prendere le coperte, le conservate dove vi pare e alla sera uno di voi le riporta ai “clochard”. Tutto sarebbe risolto.

  3. Hai in parte ragione, quando dici che sono pragmatico: faccio il volontario senza “canzonare” nessuno e in un caso come questo semplicemente la risolverei così come ho consigliato di fare ai “good guys”. In attesa che i meno pragmatici trovino le soluzioni auspicabili, si fanno quei piccoli passi che sono realisticamente applicabili. Tu che sei “acuto”, invece, cosa proponi?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome