Sfregiò l’ex fidanzato con l’acido, il Tribunale le toglie la figlia appena nata

3

Il giudice del Tribunale dei Minori di Brescia ha deciso che il secondogenito di Elena Perotti non potrà restare insieme a lei nella comunità protetta dove sta scontando otto anni di pena per aver sfregiato con l’acido l’allora ex fidanzato William Pezzullo insieme ad un complice.

Alla donna era già stata tolta la custodia del primo figlio, che oggi ha tre anni e ora la stessa sorte è toccata anche alla piccola nata poche settimane fa. Il padre della neonata è un coetaneo di Elena conosciuto in comunità e con il quale si è sposata nel luglio scorso.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

3 Commenti

  1. Una persona capace di un gesto tanto feroce dovrebbe essere sterilizzata e condannata ai lavori forzati, altro che una comoda vita in una comunità protetta. Ha distrutto una vita e quella dei suoi familiari e lei pretende di cavarsela così.

  2. dicasi comunità quella struttura che permette a qualcuno di fare tanti soldi con manodopera senza costo e quindi capace di fare prezzi fuori mercato per gli altri ONESTI imprenditori. Per dirsi comunità poi deve accogliere persone che meritano il carcere a vita e gli consente di amoreggiare con serenità mentre le vittime fuori pagano il prezzo di errori non loro. Complimenti che bel mondo….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome