Inchiesta prostituzione minorile: dagli annunci ai social agli incontri

0

“Mi ha contattato in chat dicendo che gli piacevo. Ha voluto incontrarmi subito e dal vivo, sembrava parecchio più giovane dei vent’anni che dichiarava online. Quando ho insistito ha ammesso di averne quindici”. Questa il racconto, riservato al blog, di un libero professionista quarantenne e riportato dal Giornale di Brescia che racconta cosa accade sui siti dichiaratamente vietati agli “under 18” ma assolutamente accessibili da tutti.

L’inchiesta sulla prostituzione minorile e pedofilia che tra Brescia, Milano, Monza e Brianza ha portato all’arresto di dodici persone, tra cui un prete, un agente della polizia locale e un allenatore di calcio giovanile, ha le sue radici proprio nei social e nella loro facilità di accesso, cosa che spesso ingenera identità false. Lunedì inizieranno i primi interrogatori.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome