Rovato, eletti i nuovi vertici della casa di riposo. Tra le polemiche

0

La vicenda dei vertici della Casa di Riposo Lucini Cantù rischia di far discutere Rovato ancora per mesi. E l’assemblea convocata dal presidente dimissionario dell’ente, monsignor Gianmario Chiari, non ha sciolto i nodi. Dopo le dimissioni di quattro membri, il sindaco di Rovato Tiziano Belotti ha provveduto a revocare l’incarico agli altri tre: Valentina Bergo, Gianluigi Mombelli e Claudio Suardi (in scadenza nel 2019). Provvedendo contestualmente a nominare un nuovo Cda che dovrebbe essere guidato da Nicola Bonassi, già assessore al Bilancio nella di centro-sinistra capitanata da Andrea Cottinelli. Una nomina fatta all’insaputa di parte dell’opposizione.

Il nodo però è proprio questo. Ha o no il sindaco il potere di revoca dei membri del Cda o, trattandosi di una fondazione autonoma, ha solo quello di nomina? I tre la pensano diversamente da Belotti e in apertura di seduta hanno letto un documento – sottoscritto anche dai consiglieri di opposizione Roberta Martinelli e Diego Zafferri – per contestare il decreto del sindaco, sottolineando che “lo statuto non prevede la revoca dei membri del consiglio di amministrazione della fondazione per volontà dell’amministrazione”. Quindi i tre hanno chiesto di sospendere l’assemblea in attesa del parere dell’ente competente: richiesta accolta da monsignor Chiari, ma respinta dagli altri che hanno proceduto all’elezione di Bonassi alla presidenza e di Elena Maria Santus alla vicepresidenza. Resta da capire se ora si aprirà una guerra fatta di avvocati e ricorsi, che potrebbe azzerare nuovamente la situazione.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Con i soldi che riceverà da A2A e da quelli che ricaverà dalla morte da lui annunciata di Cogeme, il sindaco non avrà problemi a distribuire soldi per le cause di cui parla l'articolo.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome