In difesa del sugo. A Manerbio una scuola elementare bandisce la pasta in bianco

0

La scuola elementare di Manerbio ha detto stop alla basta in bianco e lo ha comunicato in forma scritta alle famiglie degli alunni scatenando un vespaio di polemiche. L’iniziativa dell’istituto prende le mosse da quella che è ritenuta una richiesta eccessiva di somministrazione di pasta in bianco, con relativo spreco di sughi e appiattimento dei valori nutrizionali del menù.

La mensa servirà il "primo scondito" solo in caso di dieta specialistica o di indisposizione, puntando a restare fedele ai dettami dei nutrizionisti e del’, organo preposto alla stesura dei menù nel rispetto delle esigenze di crescita dei bambini.

La pasta in bianco, insomma, deve essere l’alternativa a fronte di motivazioni valide, non la regola quotidiana. Il Comune condivide le buone intenzioni, ma auspica dialogo e s’interroga sui toni rigidi utilizzati dalla scuola, che hanno spiazzato anche i genitori, ora timorosi che l’assenza di alternativa ad un sugo sgradito possa spingere i figli a saltare del tutto una portata.

La discussione, nel frattempo, non ha coinvolto la scuola materna, che usufruisce del medesimo servizio mensa. La pasta al sugo tra i più piccoli piace. Un segnale da non sottovalutare. Il rischio di estinzione per il piatto italiano per eccellenza, a quanto pare, è scongiurato.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome