Provincia e Comuni Bresciani: No all’annessione della Valcamonica a Sondrio

0

I temi trattati recentemente nel convegno organizzato da BsNews continuano a tenere banco a Brescia in Lombardia.

La Provincia di Brescia e l’Associazione Comuni Bresciani, infatti, non ci stanno e si oppongono all’idea circolata al Pirellone di un’annessione della Valcamonica a Sondrio. Le ragioni del secco no? Storiche, ambientali, ma anche legate ai pubblici.

No alla proposta degli “otto cantoni” avanzata dal presidente Maroni, dunque, che vorrebbe ridurre e ridisegnare le province in linea con le aree vaste previste dalla legge Del Rio, uno scenario che porterebbe alla separazione di Brescia dalla Valcamonica, unita a Sondrio  nel Cantone della Montagna. Gli altri 6 sarebbero Insubria (Como e Varese); Brianza (Lecco e Monza Brianza); Metropolitano (Milano e Lodi), Valpadana (Cremona e Mantova); Bergamo e Pavia.

Contrario anche il presidente della Provincia Mottinelli, intenzionato a portare avanti un progetto secondo il quale la provincia consolidi il suo ruolo di casa dei Comuni costituendo aree omogenee.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se i comuni sono d’accordo perché no. Io sono bresciano ma la valcamonica l’ho sempre vista come un mondo a parte. Secondo me il cantone montano ha un senso, ma al di là dei nuovi disegni territoriali bisognerebbe iniziare a pensare di più come regione unita

  2. Si riconferma che anche I leghisti come Maroni duri e puri nella prima ora quando conquistano lo scranno del potere si disinteressano di tutti i temi cavallo di battaglia delle campagne elettorali come immigrazione disoccupazione populismi vari e si trovano molto a loro agio a caz…giare su fa romantics riassetti territoriali tanto velleitari quanto inutili e fittizi come ha dimostrato il PD con Del Rio e la sua “abolizione delle province”. Töc istès i politici.

  3. Si riconferma che anche I leghisti come Maroni, duri e puri nella prima ora, quando conquistano lo scranno del potere si disinteressano di tutti i temi cavallo di battaglia delle campagne elettorali come immigrazione, disoccupazione, populismi vari e si trovano molto a loro agio a caz…giare su fantomatici riassetti territoriali tanto velleitari quanto inutili e fittizi, come ha dimostrato il PD con Del Rio e la sua \”abolizione delle province\”. Töc istès i politici.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome