Treni, Frecce da Bianche a Rosse. Legambiente: un altro salasso per i pendolari

0

E’ in arrivo un nuovo duro colpo ai pendolari della lineaTorino-Milano-Venezia. Domenica salteranno i primi due , il Frecciabianca 9712 Venezia-Torino e il 9733 Torino-Venezia; la prossima coppia verrà cancellata all’inizio del mese prossimo e si tratta del Frecciabianca 9710 Venezia Torino, e il Frecciabianca 9737 Torino Venezia. Il destino dei «treni bianchi» è segnato, perché entro la primavera prossima spariranno tutti i 18 Frecciabianca in circolazione attualmente sulla tratta in questione anche in vista dell’apertura (2017) dell’Alta Velocità da Treviglio a Brescia.

“Sono decine di migliaia i pendolari – attacca Dario Balotta di Legambiente – che ora si servono delle frecce Bianche in alternativa agli inaffidabili treni regionali che hanno indici di efficienza distanti dalla media comunitaria. I treni sono vecchi e il federalismo dei trasporti ha separato e reso difficili i collegamenti ferroviari tra Piemonte, Lombardia e Veneto con la soppressione dei treni di molti treni interregionali. Per le migliaia di pendolari della Torino-Milano di Vercelli e Novara, abbandonare le Frecce Bianche sarà come un tuffo nel passato, visto che quelle Rosse correranno sul nuovo tracciato Alta Velocità, che non tocca le due città piemontesi.Per i viaggiatori di Brescia, Desenzano, Verona e Vicenza della trattaMilano-Venezia i tempi di percorrenza saranno gli stessi, ma aumenteranno di almeno il 30% le tariffe, perché le Frecce cambieranno rango, da Bianche a Rosse”.

“I treni veloci della linea transpadana sono utilizzati prevalentemente da un pendolare residenziale su distanze brevi ma Trenitalia sta introducendo una programmazione dei convogli e degli orari che continuano ad impoverire i territori periferici. Le colpe – tuona Balotta – sono da ricercare nel sistema ad Alta Velocità, il più costoso d’europa,realizzato su distanze brevi, in aree trafficatissime, con molticentri urbani (ogni 40 km) e con standard differenti dalla lineastorica che ne separano la gestione e ne diminuiscono le capacità”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome