Ministro Orlando oggi a Brescia per il Giubileo dei carcerati

0

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando oggi sarà a Brescia in occasione del Giubileo dei carcerati che si celebra il 2 novembre. Il programma della giornata – a meno di sei mesi dall’ultima visita ufficiale del ministro – prevede al mattino un incontro all’auditorium San Barnaba con le scuole sul tema “Giustizia, pena, relazione” e le testimonianze di vittime e responsabili della lotta armata. Oltre al ministro interverranno all’incontro Gherardo Colombo già magistrato, Adolfo Ceretti e Claudia Mazzucato curatori del libro e le testimonianze di Maria Grazia Grena ex Prima linea e Giorgio Bazzega, figlio di una vittima delle Br.

Il pomeriggio il ministro sarà invece al Dipartimento di Giurisprudenza per affrontare il tema degli Stati generali dell’esecuzione della pena e dei relativi risultati e dove incontrerà il nuovo rettore . La giornata potrà anche essere l’occasione per parlare della situazione carceraria di Brescia (il nuovo , l’ampliamento del Verziano, i fondi…).

La sera al Teatro Sociale la chiusura ideale della giornata sarà lo spettacolo “Figliol prodigo”, che avrà come protagonisti i detenuti di alta sicurezza del carcere di Opera.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Un ministro in visita scortato da decine e decine di poliziotti e carabinieri. Quando diventeremo una democrazia?
    La regina di Svezia gira in autobus!

  2. Quando ti impongono uno stato e un’unita’ che non senti, quando ti impongono un’europa che ti impoverisce, quando i problemi della gente sono sempre messi in secondo piano, non c’e’ da stupirsi che alla maggioranza della gente non importa nulla del presidente della repubblica che viene a brescia, ne’ del ministro, entrambi talmente amati che sono costretti ad avere la scorta (pagata naturalmente da noi).

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome