An Brescia, contro la Sport Management finisce 8 a 8

0

Il pubblico delle grandi occasioni sulle tribune della piscina Manara, e non poteva essere altrimenti per un match di livello come Sport Management e An Brescia: nella quinta di campionato, finisce 8 a 8 (2-1, 2-3, 1-3, 3-1, i parziali), al termine di una sfida che ha regalato tante emozioni e anche spettacolo. Inizia inseguendo, l’An, costretta a fare i conti con l’arcigna copertura difensiva dei padroni di casa, riuscendo ad agguantare il 4 pari a 49 secondi dalla fine della seconda frazione. Fino al cambio delle panchine, i reparti arretrati danno il segno alla gara: su un totale di otto reti, sette arrivano con l’uomo in più e una su rigore. Forse provato dalle fatiche del mercoledì di coppa, lo Sport Management, nel terzo tempo, perde un po’ della verve difensiva, e il sette bresciano non si fa pregare portandosi sul più 2 (5 a 7); a quel punto, la calma e la determinazione dei ragazzi di Sandro Bovo sembra poter decidere l’incontro ma, a metà dell’ultimo tempo, il team di Baldineti trova due segnature piuttosto fortunose (due deviazioni, su tiri di Gitto e Mirarchi, che mettono completamente fuori causa Del Lungo) e il risultato torna in parità (7-7). Galvanizzata dall’impresa, la Bpm riallunga di uno ma l’An proprio non ci sta e con il guizzo di Napolitano in superiorità, raggiunge il più che meritato pareggio.

«È stato un match segnato da un grande equilibrio – commenta coach Bovo -, come per altro era successo in Coppa Italia: rispetto alle passate stagioni, loro hanno confermato di aver fatto un bel passo avanti. Hanno riaperto la gara grazie a due gol trovati, ma comunque direi che non abbiamo da recriminare e, considerando che a 51 secondi dalla fine eravamo sotto, siamo contenti del risultato: per tutti, fare punti qui sarà difficile. Noi siamo mancati un po’ con l’uomo in meno e poi, causa l’affiorare di un po’ di stanchezza, in qualche occasione non siamo stati lucidi in fase di tiro, e poi, nel finale, c’è stata qualche forzatura. Molti positivi sono stati lo spirito agonistico e l’aggressività; in ogni caso, avendo cambiato di molto l’assetto della squadra, dobbiamo lavorare ancora parecchio, sono convinto che possiamo crescere tanto».        

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome