Volley, Brescia ci prova ma Pesaro ha la meglio in 4 set

0

Mazzola preferisce Biava al capitano Viganò, non al meglio della forma. Pesaro mettere il turbo nei finale di primo e secondo set, ma accorcia le distanze grazie a un grande terzo parziale, poi le padrone di casa dominano il quarto portando a casa l’intero bottino. Applausi comunque alle bresciane che impensieriscono le coriacee marchigiane.

Le padrone di casa secondo coach Matteo Bartini schierano Di Iulio al palleggio, Kiosi opposto, Olivotto e Mastrodicasa al centro, Degradi e Santini in banda, Ghilardi libero. Risponde Brescia con lo starting-six di Mazzola composto da: Prandi alzatrice opposta a Baldi, Martinelli e Lapi al centro, Saccomani e Biava in banda, Portalupi libero.

Inizio fulminante di che allunga 2-6, cogliendo di sorpresa le quotate avversarie. Pesaro prende le misure alle bresciane e pareggia i conti con un break di 4 punti, Biava rimette avanti le sue, ma il sorpasso pesarese si concretizza un attimo dopo e coach Mazzola è costretto al time-out. Le leonesse piano piano rosicchiano punti, anche grazie all’ace di Lapi, e si portano coraggiosamente a -1 e Biava pesca il mani-out del 16 pari e il muro di Martinelli porta in vantaggio Millenium. Degradi e Koisi lanciano nuovamente le padrone di casa 22-20 per il secondo tempo di Mazzola. Millenium sbaglia, Pesaro è più lucida e si aggiudica il set 25-20.

Secondo set che si apre con un sostanziale equilibrio fino all’8 pari, Pesaro mette il turbo con un +3 e la panchina lombarda chiama il tempo per provare a invertire l’inerzia del set. Dentro Dall’ per Lapi ma la myCicero resta avanti con margine. Con una buona rotazione Millenium si riporta sotto, dentro Zampedri per Saccomani, ma Pesaro resta a +3 facendo valere le sue grandi qualità offensive. Rientra Saccomani, Millenium tallona le marchigiane a -2, ma Pesaro è incontenibile e chiude 25-21.

Con Lapi che rientra su Dall’acqua Brescia non si perde d’animo e si porta 1-4 e 4-8 nel terzo set. Millenium prova con tutte le armi a restare avanti, cercando di arginare Santini e compagne, ma le pesaresi piano pianto rimontano fino al 14 pari, complice qualche sbavatura bresciana. Una grande reazione delle Leonesse le porta a 16-20, con Pesaro a inserire Pamio e Gamba. Mazzola getta nella mischia Dall’ara per Lapi al servizio e le ospiti riescono a mantenere vantaggio 19-23, dentro anche Zampedri in seconda linea, Pesaro alza il muro, ma Baldi passa in pipe 21-24, dentro anche Mazzoleni per alzare il muro, i due allenatori si giocano le loro carte, è una partita scacchi. Sul 22-24 Mazzola chiama il tempo, e nuovamente sul 23-24, ma Biava spezza le velleità di rimonta delle padrone di casa con una bordata che Ghilardi non riesce a contenere 23-25.

Nel quarto set è Pesaro a partire forte, le lombarde provano a restare in scia con le unghie e con i denti, ci riescono fino a metà set, poi Kiosi trascina le sue avanti. L’allenatore bresciano si gioca la carta Garavaglia per Biava e Zampedri per Saccomani, ma il finale ha poco da dire con Millenium che cala e la myCicero prende il largo indisturbata.

myCicero Pesaro – Millenium Brescia: 3-1 (25-20, 25-21, 23-25, 25-15).

Brescia: Dall’acqua 2, Baldi 17, Garavaglia, Portalupi (L), Biava 10, Saccomani 11, Prandi 3, Martinelli 8, Zampedri, Mazzoleni, Dall’ara, Lapi 6. A disposizione: Viganò. Allenatore: Mazzola Enrico. Assistente: Zanelli Marco.

Pesaro: Matrodicasa 12, Degradi 16, Olivotto 9, Ghilardi (L), Gamba, Kiosi 19, Di Iulio 2, Santini 6, Pamio, Rimoldi, Tonello. A disposizione: Bussoli, Allenatore: Bertini Matteo. Assistente: Burini Andrea.

Statistiche Brescia: battute sbagliate 14, battute vincenti 4, muri 7.

Statistiche Pesaro: battute sbagliate 11, battute vincenti 4, muri 7.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome