Intimidazione all’avvocato Rando, Libera: dalla parte di Enza contro la ‘ndrangheta

0

L’associazione Libera, con una nota inviata oggi ai media, esprime grande preoccupazione per l’inquietante fatto accaduto la sera della manifestazione a sostegno di Enza Rando, vice presidente di Libera e avvocato che cura la costituzione di parte civile in numerosi processi per mafia. Il 26 novembre, a poche ore dal convegno che si è svolto a Modena promosso da Libera dal titolo "Come cambiano le mafie idee e nuovi percorsi di contrasto", infatti, ignoti si sono introdotti nello studio di della Rando mettendo a soqquadro la sua stanza senza che alla stessa sia stato sottratto nulla, pur essendo a portata di mano Pc, penne e altri oggetti di valore. Tra gli elementi preoccupanti anche l’apertura delle ante di armadi in cui sono custoditi i faldoni riguardanti le costituzioni di parte civile nei processi di mafia.

“Nulla può intaccare la ferma condanna ad ogni atto intimidatorio che non fermerà mai l’onda. Noi – si legge in una nota inviata dal referente provinciale Giuseppe Giuffrida – saremo sempre al tuo fianco Enza. Ed a tutti l’invito a dimostrare la solidarietà con un gesto: Libera, con l’attenta azione dell’avvocato Enza Rando, è costituita parte civile nel processo Pesci contro un’organizzazione ndranghetista operante nel mantovano e nel cremonese".

Da qui la decisione di darsi appuntamento per la mattina di oggi, alla ripresa dell’udienza nell’aula di Corte d’Assise del Palazzo di Giustizia di Brescia, a sostegno dei magistrati della DDA di Brescia Paolo Savio e Claudia Moregola ed al fianco di LIBERA, costituita parte civile”. 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome