Co.Di.S.A., domani assemblea pubblica contro Cava Castella

0
codisa cava castella
Cava Castella, foto Codisa

Giovedì 9 Febbraio alle ore 20.30 al teatro dell’Oratorio di Buffalora il Co.Di.S.A. ha organizzato un’assemblea pubblica per informare i cittadini “sugli ultimi preoccupanti sviluppi del progetto di discarica nella Cava Castella” scrive in una nota. “Il 9 dicembre 2016 è stata depositata una nuova richiesta per la costruzione di una discarica presso la cava Castella dalla società La Castella S.r.l., controllata al 100% dalla società pubblica Garda Uno S.p.A., cioè dai comuni del lago di Garda. Per tutelare il loro territorio cercano di portare altrove i loro rifiuti – scrive ancora il Co.Di.S.A. – Garda Uno è la stessa società che insieme a RMB nel 2011 aveva fatto la prima richiesta di discarica, respinta per incompatibilità ambientale e sanitaria dalla Regione Lombardia”.

“Nella cava Castella – secondo il Comitato Difesa Salute e Ambiente -, Garda Uno vuole realizzare una discarica, nonostante il diniego ricevuto per incompatibilità ambientale e sanitaria! Il territorio è già saturo e non può sopportare altri elementi di impatto e di
pressione ambientale. Il Co.Di.S.A. si è già attivato collaborando con il comune di Rezzato per presentare le osservazioni contro il progetto entro il 09/02/2017. Ora abbiamo bisogno del fondamentale supporto della popolazione contraria a questo progetto per farci sentire e manifestare pubblicamente il nostro dissenso. Chiediamo a tutti di partecipare a questa assemblea, per far capire alla società richiedente e soprattutto agli enti pubblici che noi non vogliamo la discarica e che siamo disposti a bloccare fisicamente la sua realizzazione”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome