Montagna, Mottinelli (Broletto): ridefinire i modelli produttivi

0
Pier Luigi Mottinelli
Pier Luigi Mottinelli

Nel convegno “La montagna nel progetto italia”, promosso dalle Montagne Italia e Symbola, che si è svolto a Roma, sono stati affrontati importanti temi volti allo sviluppo dei territori montani: dalla green communities, per la valorizzazione delle risorse naturali e ambientali, all’innovazione, investimenti per la banda ultralarga e l’Agenda Digitale, al pagamento dei servizi ecosistemici.

“E’ importante – ha sottolineato Pier Luigi Mottinelli, Presidente delle Provincia di Brescia e  componente della Giunta Nazionale Uncem (Unione Nazionale Comuni Cominità Enti Montani ridefinire il modello produttivo per valorizzare le aree rurali e montane, che possono trovare uno sviluppo concreto solo se abbattiamo il divario digitale e consentiamo agli abitanti dei paesi montani di avere le stesse opportunità di coloro che vivono nei centri urbani”.

Il Convegno ha visto gli interventi dei direttori delle due Fondazioni nazionali, Luca Lo Bianco e Fabio Renzi, di Marco Bussone di Montagne Italia, di Riccardo Santolini dell’ di Urbino. Sono poi intervenuti Agostino Agostinelli (Federparchi) e Alessandra Bonfanti di Legambiente.

Da Giovanni Vetritto, Direttore generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la spinta a una nuova attuazione delle leggi sull’associazionismo dei Comuni, con Unioni vettore di crescita delle terre di montagna.

Massimo Ottelli, Presidente della Comunità Montana della Valle Trompia e componente del Consiglio Nazionale Uncem, commenta così, a margine del convegno:

“Dai temi trattati si evince che la montagna resiste e rilancia. E in questo contesto è fondamentale l’impegno dei sindaci, degli amministratori dei piccoli comuni, che diventano i veri protagonisti in grado di portare avanti i processi di trasformazione socio economica dei loro territori”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome