Omicidio Ragnoli, l’appello condanna ancora mandante ed esecutore

La corte d'assise d'Appello di Milano ha condannato mandante e autore dell'omicidio di Giancarlo Ragnoli: l'ultrà del Brescia ucciso a colpi di pistola il 6 gennaio 2015

0

Nove anni e sei mesi di (contro i 14 del primo grado) per Gianluigi Dordi, a cui i giudici hanno riconosciuto la seminfermità mentale. E 24 anni (confermati) per Davide Bettera. La corte d’assise d’Appello di Milano ha condannato mandante e autore dell’ di Giancarlo Ragnoli: l’ultrà del Brescia ucciso a colpi di pistola il 6 gennaio 2015.

Ragnoli era stato freddato sulla porta di casa, a Roncadelle, a causa di un debito di droga non pagato. La Cassazione aveva annullato le prime sentenze della Corte d’appello di Brescia. Dopo il nuovo processo sono arrivate le nuove condanne. Ma la posizione di Dordi, riconosciuto come mandante, si è alleggerita di oltre cinque anni di carcere rispetto al precedente appello.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome