Autovelox e tutor? Roma pensa al decreto per vitare le segnalazioni

Secondo quanto riferisce Repubblica.it, infatti, sarebbe in preparazione un decreto per rendere illegali le segnalazioni di autovelox e tutor sulle strade, ma anche su navigatori satellitari

0
Autovelox
Autovelox

A Brescia il caso più clamoroso è stato quello delle 48mila multe sulla strada Goitese. Ma  le proteste collettive (a volte anche ultra legem) contro autovelox e tutor sono state diverse. Ora però un Decreto legge rischia di spaccare il Paese a metà, tra coloro che gioiscono e coloro che sono pronti alla “rivoluzione”. Gettando benzina sul fuoco delle polemiche.

Secondo quanto riferisce Repubblica.it, infatti, sarebbe in preparazione un decreto per rendere illegali le segnalazioni di autovelox e tutor sulle strade, ma anche su navigatori satellitari, sulle app e sui siti con la motivazione che spingerebbero i guidatori a brusche manovre per ridurre la velocità (con un alto rischio di tamponamenti) e vanificherebbero il lavoro delle forze dell’ordine. Affermazioni vere, anche se i promotori dell’iniziativa dimenticano l’effetto dissuasivo dei cartelli: il cui fine è, appunto, quello di indurre a rallentare, e non tanto quello di emettere più sanzioni.

Insomma: il rischio è che a gioire per la novità più le casse dei Comuni (tra i casi più noti quello di Longhena) che le famiglie di automobilisti e motociclisti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome