Uccise la moglie: sconto di pena di otto mesi in appello

E' stata confermata in appello - ma con uno sconto di pena di otto mesi, a 10 anni totali di carcere - la condanna nei confronti del 78enne di Lumezzane, in Valgobbia, che nel 2015 uccise la moglie a coltellate

0

E’ stata confermata in appello – ma con uno sconto di pena di otto mesi, a 10 anni totali di carcere – la condanna nei confronti del 78enne di Lumezzane, in Valgobbia, che nel 2015 uccise la moglie a coltellate. Quella tragica mattina, l’anziano – clinicamente depresso – aveva impugnato un grosso coltello da cucina, colpendo a morte la moglie 70enne malata, che aveva amorevolmente accudito per anni. Quindi – dopo aver telefonato al figlio rivelandogli l’accaduto – l’uomo cercò di togliersi la vita ingerendo dei farmaci. Un dramma della disperazione, insomma. La difesa aveva chiesto l’incapacità di intendere e di volere (negata dai giudici), l’accusa il minimo della pena. L’uomo si trova ora ai domiciliari.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome