Profughi utilizzati come giardinieri a Chiari, è già polemica

Da qualche ora un gruppo di richiedenti asilo è impegnato come giardiniere nella prestigiosa villa Mazzotti di Chiari. Ma è già polemica

0
Immigrati
Immigrati

Da qualche ora un gruppo di richiedenti asilo è impegnato come giardiniere nella prestigiosa villa Mazzotti di Chiari. Ad annunciare la novità – secondo quanto riportato dall’edizione odierna di Bresciaoggi – sono stati ieri Domenico Codoni, assessore all’ambiente, Lucia Baresi, titolare dei servizi sociali, e il consigliere comunale Vittoria Foglia.

Alcuni profughi originari del Mali e della Nigeria, infatti, sono stati impiegati – su base rigorosamente volontaria – dall’amministrazione per raccogliere rifiuti e ripulire i vialetti d’accesso alla prestiosa residenza che fu del conte Mazzotti (lì, pare, nacque la Mille Miglia). Sotto il coordinamento della municipalizzata Chiari Servizi, i 15 volontari lavoreranno ciascuno 12 ore a settimana per un intero anno, con un risparmio stimato per il Comune di circa 112mila euro.

Ma le polemiche sono già partite. La Lega – secondo quanto dichiarato dal consigliere Roberto Campodonico a Bresciaoggi – ha infatti polemizzato con il fatto che l’iniziativa “finisce per essere un costo per la collettività perché non vengono impiegati disoccupati, bensì richiedenti asilo già pagati con i fondi europei e italiani”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome