Maxi rissa etnica a Canton Mombello, è allarme. La Polizia chiede aiuto

Attimi di terrore, oggi pomeriggio, per una rissa che ha coinvolto una ventina di detenuti di etnie diverse: quattro i feriti

1
ex Canton Mombello - Nerio Fischione
ex Canton Mombello - Nerio Fischione

Attimi di terrore, oggi pomeriggio, per una rissa tra detenuti di etnie diverse. La tensione è salita intorno alle 14.30. Nello scontro – causato da divergenze tra “bande” – sono stati coinvolti una ventina di carcerati e la Polizia penitenziaria ha avuto molte difficoltà a sedare gli animi. Quattro detenuti sono stati ricoverati con ferite ed escoriazioni di diverso tipo sul viso e sul corpo, forse anche qualche frattura.

I responsabili della rissa, quindi, sono stati rinchiusi in una sezione diversa da quella di appartenenza. Ma la tensione rimane altissima e – nel timore di altri disordini – la direzione ha disposto la massima allerta tra il personale di Polizia Penitenziaria.

“Purtroppo – scrivono in una nota congiuta il segretario provinciale e regioale del Fp Cgil – il carcere di Brescia, con tutte le sue limitazioni e carenze strutturali, non risponde più ai canoni di una detenzione moderna e negli ultimi periodi si è caratterizzato per risse e disordini vari che hanno comportato anche un serio rischio per i lavoratori della Polizia Penitenziaria che, anche se sott’organico, sono riusciti e riescono a mantenere la sicurezza ma con tantissimo sacrificio, in queste condizioni è a rischio anche l’idea del trattamento stesso. (…)  Esortiamo la politica e le istituzioni – concludono Francesca Baruffaldi e Calogero Lo Presti – ad un maggior impegno affinché a Brescia venga costruito un nuovo carcere per dare migliori condizioni lavorative alla Polizia Penitenziaria e ai lavoratori tutti ma anche una vita detentiva più dignitosa ai reclusi”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome