Caso Green Hill, confermate le condanne

L'allevamento, nel quale erano ospitati beagle per la sperimentazione e nel quale ne vennero uccisi circa 6 mila, venne chiuso nel 2012

0
Liberazione di uno dei cuccioli di Green Hill
La liberazione di uno dei cuccioli di Green Hill

Sono state confermate anche dalla Cassazione le condanne per i tre imputati del Caso Green Hill, l’allevamento di Montichiari nel quale venivano maltratti cani beagle. La terza sessione penale della Suprema Corte – si legge sui quotidiani bresciani – ha dichiarato inammissibili i ricorsi degli imputati, confermando così le condanne inflitte nel 2016.

In conseguenza dei due processi condotti dal tribunale di Brescia, i titolari dell’allevamento di beagle erano stati condannati – con sentenze confermate in appello – alla pena di un anno e 6 mesi di reclusione per il medico veterinario e il co-gestore della struttura, a un anno per il direttore dell’allevamento di Montichiari.

L’allevamento, nel quale erano ospitati beagle per la sperimentazione e nel quale ne vennero uccisi circa 6 mila, venne chiuso nel 2012 e più di 2 mila cani vennero assegnati a famiglie.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome