Omicidio Yara, depositata sentenza contro Bossetti

Sono state depositate le motivazioni della sentenza d'appello nel caso dell'omicidio di Yara Gambirasio che conferma l'ergastolo per Massimo Bossetti.

0
Yara e Bossetti
Yara e Bossetti

“L’inaudita gravità del fatto”, commesso “vigliaccamente” ai danni di “una ragazzina debole e indifesa, aggredita per motivi sicuramente spregevoli”. Con queste parole – riportate dal – i giudici della Corte d’assise d’appello di Brescia hanno depositato la sentenza che conferma la condanna all’ergastolo di Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio. La sentenza verrà presto impugnata dai legali difensori dell’uomo che hanno già fatto sapere di voler ricorrere in Cassazione.

Secondo i giudici bresciani, presieduti da Enrico Fischetti, il movente dell’omicidio della ragazzina bergamasca – scomparsa dalla palestra di Brembate il 26 novembre 2010 e ritrovata cadavere in un campo tre mesi dopo – è da ascriversi alle avances sessuali che Bossetti le avrebbe fatto e che lei avrebbe rifiutato. Nella sentenza viene considerata “granitica” la prova del Dna che inchioda Bossetti che invece la difesa ha sempre cercato in tutti i modi di confutare.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome