Walter Pescara, tra beat e poesia | MOSTRAMI UNA MOSTRA/33

0
Lawrence Ferlinghetti around the Beat, è il titolo della mostra allestita nel bunker di via Odoricida Albano Morandi e Walter Pescara, foto di Enrica Recalcati per www.bsnews.it
Lawrence Ferlinghetti around the Beat, è il titolo della mostra allestita nel bunker di via Odoricida Albano Morandi e Walter Pescara, foto di Enrica Recalcati per www.bsnews.it
Enrica Recalcati, opinionista di BsNews.it
La scrittrice Enrica Recalcati, opinionista di BsNews.it

di Enrica Recalcati – La location, fortemente evocativa, ti introduce ad una mostra capace di stupire. Si tratta di un percorso visivo di 80 metri lineari lungo le pareti del bunker di Via Odorici, 6/B nel Carmine cittadino, utilizzato come rifugio durante la seconda guerra mondiale.

Un percorso espositivo dedicato a poeti e intellettuali, nel pre-sessantotto col movimento “Fluxus” e nel nuovo millennio, in America e nel mondo. Quaranta foto di grande formato curate e disposte, in un crescendo emotivo, da Albano Morandi e Walter Pescara.

Walter Pescara, autore degli scatti, mi accompagna passo dopo passo facendomi vivere le foto. Sembra di viverle, di entrare nelle immagini che sono spaccati di vita quotidiana o descrizioni di eventi particolari. Lawrence Ferlinghetti, Fernanda Pivano, Jack Hirschman, Agneta Falk, Alejandro Jodorowsky, Charlotte Moorman, Paul Polansky e Gregory Corso.

Tutto il fermento della beat generation attraverso le immagini dei poeti e il continuo avvicendarsi di messaggi di pace, di amore, di disarmo.

Le immagini raccontano, spiegano, dipanano un percorso di vite dedicate a ideali non violenti, di personaggi coerenti e coraggiosi, nel sostenere opinioni dal forte impatto sociale.

«Non conosco il vero motivo per il quale da vent’anni continuo a fotografare i poeti. Nessun committente mi ha chiesto di farlo e l’unico sostentamento di questa ricerca è il piacere di passare un po’ di tempo con loro, così come andare a scuola, a scuola di vita», mi confida Walter Pescara. Ha documentato alcuni aspetti della vita dei poeti, perché non ci si dimentichi di loro. Incuriosito dalla loro vita e affascinato dalla potenza delle loro parole, Walter Pescara li ha fotografati «per trasformare il loro sentire in disegni di luce”.

Questa mostra è il risultato di una ricerca realizzata tra il 1999 e il 2016. Le foto, stampate su carta semplice, non hanno sequenza cronologica, ma sono quasi appunti di viaggio.

Nelle immagini appare spesso Fernanda Pivano, una donna che ha avuto un ruolo importante nella scena culturale italiana. Amica di Cesare Pavese e di Ernest Hemingway, ha tradotto noti scrittori americani, scritto narrativa e saggistica e sarà proprio la Pivano a scoprire e divulgare i più importanti poeti della beat generation.

Lawrence Ferlinghetti, ritratto davanti al faccione del “Mostaciù”delle Cossere, di origini bresciane, perde i genitori in tenera età, e conduce una vita avventurosa e nomade che lo porta dall’America all’Europa per studiare e perfezionarsi in poesia.

Viene fotografato da Walter Pescara mentre cerca a Brescia la casa paterna, la trova, ma viene arrestato per disturbo alla quiete e clandestinità.

Vive a San Francisco ed è uno dei poeti più letti e tradotti al mondo.

Mi soffermo su la City lights col book store di San Francisco, mi rapisce lo sguardo il reading poetico di Jack Hirschman al Mart di Rovereto, il “Lost and Food” famoso pub a San Francisco dove hanno esordito i Led Zeppelin, Paul Polansky seduto in poltrona che accarezza il suo cane nella sua casa in Serbia, Ferlinghetti che lancia valanghe di foglietti poetici dal Palazzo Ducale di .

Infine Gregory Corso con “Bomb”, otto metri di tela per la sua particolare poesia, scritta nel 1958 dopo aver assistito ad una dimostrazione contro la bomba atomica.

In modo ironico e provocatorio, denuncia l’uso della . la rabbia e l’odio della guerra. Chiude la mostra un’immagine di Charlotte Moorman musicista violoncellista che suona utilizzando come cassa di risonanza l’ogiva di una bomba, alla quale l’artista ha applicato delle corde di violoncello. Sono stordita dal significato profondo delle immagini, dalla potenza degli sguardi, dai personaggi apparentemente disordinati, trasandati, sciatti. Mi trasmettono invece l’ordine di una passione interiore che altro non è che amore per la vita.

La mostra, ad ingresso libero, è visitabile sabato e domenica dalle 15 alle 20, fino all’8 dicembre.

LEGGI LA PUNTATA PRECEDENTE DELLA RUBRICA

LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA MOSTRA 

Le immagini della mostra scattate da Enrica Recalcati per BsNews.it

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome