Marcheno, venduta anche l’ultima colata della fonderia dell’omicidio

Per due milioni e mezzo di euro la Migal di Marcheno si è aggiudicata l'ultimo lotto dell'asta del concordato dell'azienda

0
Mario Bozzoli
Mario Bozzoli e la fonderia in cui è scomparso

Un capitolo della vicenda dell’omicidio di Mario si è ufficialmente chiuso. Mentre i nipoti dell’imprenditore e due operai rimangono indagati per omicidio volontario e disruzione di cadavere e resta ancora da chiarire la misteriosa morte di Giuseppe Ghirardini, infatti, l’ultimo pezzo della fonderia di Marcheno è stato venduto.

Per due milioni e mezzo di euro, infatti, la Migal di Marcheno si è aggiudicata l’ultimo dell’asta del concordato dell’azienda, quello relativo ai pani di alluminio e alle balle di rame prodotti con l’ultima colata. La fonderia era stata invece venduta all’asta per 4 milioni e 450 mila euro alla Rivadossi di Lumezzane.

Nel frattempo i figli dell’imprenditore scomparso hanno deciso di avviare una nuova avventura imprenditoriale, aprendo un ambulatorio dentistico intitolato al padre, Mario Bozzoli, a Mazzano.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome