Aveva animali illegali (imbalsamati) in vetrina, denunciato

0
Animali imbalsamati illegali - foto dal web
Animali imbalsamati illegali - foto dal web

Nel suo studio di tatuaggi aveva in vetrina anche il teschio di una scimmia, un piccolo alligatore, un armadillo, civette gufi tutti rigorosamente imbalsamati ma… detenuti irregolarmente. Il proprietario, titolare di uno studio di tatoo in città, non era infatti in possesso di alcun documento che ne provasse la provenienza.

Secondo quanto riporta il Giornale di Brescia, i Forestali hanno sequestrato una quarantina di animali (o parti di essi) imbalsamati, alcuni dei quali provenienti da specie a rischio di estinzione. L’uomo è stato quindi denunciato per ricettazione e detenzione di specie protette. Ma le si stanno allargando per trovare il filone del mercato nero da cui l’uomo li avrebbe acquistati e capire se altri esemplari si trovino sul nostro territorio.

In meno di un anno i Forestali hanno già sequestrato 500 esemplari imbalsamati ma anche specie vive, soprattutto testuggini.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome