Autostrada Valtrompia, Rolfi: Regione resti in campo, a partire dai prezzi

Presentata dal vice capogruppo della Lega un'interrogazione al Pirellone con oggetto l'attivazione dei lavori per la realizzazione del collegamento autostradale valtrumplino

0
Fabio Rolfi (Lega Nord)
Fabio Rolfi (Lega Nord)

Presentata dal vice capogruppo della Lega Nord Fabio Rolfi interrogazione al Pirellone con oggetto “attivazione dei lavori per la realizzazione del collegamento autostradale della Val Trompia (BS)”. Una mossa che segue di poche ore l’incontro tra il presidente di Aib Pasini. il ministro Del Rio e i vertici di Aans.

“Il pronunciamento del TAR – spiega Rolfi – che ha recentemente bocciato la richiesta di una nuova Valutazione d’Impatto Ambientale rappresenta lo snodo cruciale per riprendere l’iter di realizzazione di un’infrastruttura fondamentale, potenzialmente in grado di rendere davvero funzionale la viabilità di un’area popolosa e produttiva come la Val Trompia.

La vicenda legata a questo collegamento autostradale è molto complessa e si trascina ormai da tempo immemore: la prima volta che si parlò di questa strada era il lontano 1998 e da allora, fra problemi di progettazione, gare d’appalto, una pioggia di cause, ricorsi e ordinanze, si è arrivati alla situazione odierna.

La Regione è sul pezzo e ha provveduto a nominare il commissario nella persona del dottor Filippo Dadone, come richiesto in aprile dal TAR, che ha investito la Lombardia di un ruolo di arbitrato per la rivalutazione dei prezzi dell’opera, considerati infatti gli anni trascorsi dalla gara di appalto (una questione su cui Legambiente ha un punto di vista ben diverso).

Dal canto mio, ho quindi presentato quest’interrogazione per stimolare l’azione regionale. Bisogna fare presto: il progetto è fermo da ormai troppo tempo e il territorio ha necessità urgente di questa infrastruttura, come sottolineato anche dall’associazione degli Industriali bresciani.

L’azione di Regione Lombardia deve andare in questa direzione, rendendo possibile l’apertura dei cantieri nel breve periodo – conclude Rolfi – perché si possa mettere la Val Trompia nelle condizioni migliori per competere nell’economia globale.”

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome