Licenziamenti, Ikea si difende: la fiducia era venuta meno

L'azienda: i casi sono stati giustificati da situazioni in cui, purtroppo, la relazione di fiducia alla base del rapporto di lavoro era venuta meno

0
Ikea Roncadelle
Ikea Roncadelle, Brescia

“I casi di licenziamento sono stati giustificati da situazioni in cui, purtroppo, la relazione di fiducia alla base del rapporto di lavoro era venuta meno, e quindi la responsabilità non era più condivisa”. A dirlo è una nota ufficiale di Ikea, che risponde alle polemiche in seguito ai licenziamenti di Bari e di una mamma con figli a carico a Corsico, circostanza per cui anche i sindacati bresciani hanno dichiarato uno sciopero per la sede di Roncadelle.

“In ogni circostanza – sottolinea il comunicato – Ikea si è mossa nel rispetto dei valori che ne guidano da sempre l’agire quotidiano e seguendo quanto previsto dai contratti di lavoro e dalle normative vigenti. Nella piena convinzione della correttezza delle proprie azioni, Ikea fornirà i dettagli di ogni singolo caso ove richiesto nelle sedi preposte. Siamo profondamente rammaricati – conclude l’azienda – nel vedere che le ricostruzioni apparse in questi giorni restituiscono una versione dei fatti e una prospettiva che non rappresentano – né ora né in futuro – la visione e il valore di Ikea nel Paese”.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome