Garda, la chiatta si muove: evitato il disastro ambientale

I sub mandati dalla prefettura sono riusciti a interrompere la pressione della pesante piattaforma sulla tubatura fognaria tagliando la catenaria di una boa

0
Sub nel lago di Garda, foto d'archivio
Sub nel lago, foto d'archivio

La chiatta carica di materiale edile affondata a Gardone Riviera non è più un pericolo per la salute delle acque del Garda e per il turismo, un’industria che ogni anno richiama sulla sola sponda bresciana ben 7 milioni di persone. Ieri mattina, infatti, i sub mandati dalla prefettura (gli Operatori tecnici subacquei della Athos Group di Malcesine) sono riusciti a interrompere la pressione della pesante piattaforma sulla tubatura fognaria tagliando la catenaria di una boa. Insomma: l’emergenza ambientale è finita e adesso toccherà ai tecnici di Garda Uno intervenire per controllare che la situazione non degeneri.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome