Scritte contro i fascisti al bar che raccoglie fondi per l’omicida di Serle

Nello stesso bar - in serata - si terrà un aperitivo organizzato dalla formazione di estrema destra Brescia ai bresciani finalizzata a raccogliere fondi per sostenere Mirco Franzoni

0
Sul caso indaga la Digos di Brescia
In azione la Digos di Brescia

“Morte al fascio”. La scritta – fatta con una bomboletta rossa – è comparsa nella nottata di oggi fuori da un del centro storico della città di Brescia e occupa tutto il marciapiede all’ingresso dell’esercizio pubblico. L’ è molto probabilmente da attribuire a frange della sinistra antagonista, perché nello stesso bar – in serata – si terrà un aperitivo organizzato dalla formazione di estrema destra Brescia ai bresciani finalizzata a raccogliere fondi per sostenere Mirco Franzoni.

Franzoni, lo ricordiamo, è stato recentemente condannato a 9 anni e quattro mesi di carcere per omicidio volontario e a 150mila euro di risarcimento danni: nel 2013, infatti, a Serle inseguì e uccise a colpi di fucile un ladro di origine albanese che si era introdotto nella casa del fratello. Non un errore, secondo quanto stabilito dai giudici. Ma a Serle sono numerosi i bar che hanno deciso di aderire alla raccolta fondi pro Franzoni.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome