Donna fatta a pezzi con la sega, fermati il convivente albanese e il nipote

Il pensionato e il nipote studente, secondo gli investigatori, sarebbero gli autori dell'efferato omicidio, avvenuto nella serata del 30 dicembre

0
Il nucleo investigazioni scientifiche dei Carabinieri
Il nucleo investigazioni scientifiche dei Carabinieri

Sono due cittadini albanesi, il convivente 51enne e il nipote 27enne, le persone fermate con l’accusa di aver ucciso e fatto a pezzi Kaddijia Bencheikh: la 46enne marocchina il cui corpo è stato trovato da un contadino – fatto a pezzi con la sega elettrica – nelle campagne di Valeggio sul Mincio (in provincia di Verona).

Il pensionato e il nipote studente sono dunque sospettati di essere gli autori dell’efferato , avvenuto nella serata del 30 dicembre. Decisive per le indagini sarebbero state le telecamere nella zona del ritrovamento e le intercettazioni telefoniche. Al momento i due sono stati sottoposti a fermo di Polizia giudiziaria, in attesa della convalida.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome