Berlusconi e Salvini “scaricano” Maroni: non può fare il premier

I leader del centrodestra hanno commentato negativamente l'ipotesi che Maroni - dopo la rinuncia al Pirellone - faccia il premier nel nome dell'alleanza

0
Maroni e Zaia
Maroni e Zaia

“Se motivi personali lo spingono a scegliere di non ricandidarsi in Lombardia è impensabile si possano ipotizzare per lui ruoli politici e tantomeno impegni di governo”. A dirlo è stato ieri, durante una trasmissione di Radio Capital, il leader del centrodestra Silvio Berlusconi, che così ha commentato l’ipotesi giornalistica che Roberto Maroni – dopo la rinuncia al Pirellone – faccia il premier nel nome dell’alleanza. Ma sul punto, in maniera altrettanto netta, si era già espresso Matteo Salvini, dicendo: “Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia che vale molto di più di tanti ministeri evidentemente in politica non puoi più fare altro”.

Maroni scaricato dunque? Non ancora, perché continuano a essere insistenti le voci di una sua discesa a Roma in chiave anti-Salvini. Col placet di Silvio, ovviamente.

Ora, però, il dibattito dell’alleanza Berlusconi-Salvini-Meloni si sposta sulla successione di Maroni in Regione. L’ex governatore ha lanciato in pista il varesotto Attilio Fontana, ma il Cavaliere temporeggia: “Stiamo valutando i risultati dei sondaggi che indagheranno quali potranno essere i risultati di uno scontro Gori-Fontana o di un altro candidato”. Insomma: l’ipotesi di Mariastella Gelmini non è ancora accantonata.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome