Scarichi nel lago di Garda, i cinquestelle: la Procura deve indagare

A presentare l'esposto sono stati i consiglieri comunali Andrea Spiller, Andrea Paccagnella e Rossella Magazza, il senatore Vito Crimi, il deputato Dino Alberti e il consigliere regionale Giampietro Maccabiani

0
Scarichi nel lago di Garda
Scarichi nel lago di Garda

Vanno avviate sulla situazione degli scarichi nel lago di Garda. A chiederlo, con un esposto che verrà presentato nei prossimi giorni alla Procura della Repubblica e alla Corte dei conti, sono diversi esponenti del Movimento 5 Stelle. A firmare la denuncia, infatti, sono stati Andrea Spiller, Andrea Paccagnella e Rossella Magazza (consiglieri comunali a Desenzano, Padenghe e Lonato), il senatore Vito Crimi, il deputato Dino Alberti e il consigliere regionale Giampietro Maccabiani.

Nell’ultimo report sugli scarichi a lago ne erano stati censiti ben 48, di cui 17 “potenzialmente abusivi”. Ora gli esponenti grillini chiedono di verificare se esistono reati di tipo penale o contabile, per omesso controllo, da parte di Garda Uno, Provincia di Brescia, Arpa e Asl-Ats. In particolare – secondo quanto riportato dall’edizione odierna di Bresciaoggi – gli esponenti del puntano il dito contro il fatto che Garda Uno starebbe utilizzando gli scarichi di emergenza e gli sfioratori di piena in maniera continuativa, “al di fuori dell’ambito per cui sono stati autorizzati, comportando di fatto lo scarico di reflui fognari nel lago con conseguente e reiterato danno ambientale”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome