Forza Italia, per Roma ipotesi Bettinsoli al posto di Romele

Se l'asse fra Mariastella Gelmini e Adriano Paroli sembra tenere, infatti, i rapporti con le cosiddette minoranze interne appaiono sempre più difficili

3
Giuseppe Romele
Giuseppe Romele

Si fa sempre più scottante il clima in Forza Italia in vista dei prossimi appuntamenti elettorali del 4 marzo. Se l’asse fra Mariastella Gelmini e sembra tenere, infatti, i rapporti con le cosiddette minoranze interne appaiono sempre più difficili. In attesa di sapere se Cristina Almici (tra richieste e polemiche) verrà inserita nella lista delle Regionali, potrebbe aprirsi un nuovo fronte su Roma. Le ultime indiscrezioni interne al partito – riportate anche da – parlano infatti di una possibile candidatura di Vigilio Bettinsoli per il Senato al posto del deputato uscente Giuseppe Romele. Un’ipotesi che potrebbe aumentare lo scontro tra le correnti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

3 Commenti

  1. L’ex balena bianca (molto ridotta) continua a dimostrare che solo il potere e le seggioline contano, non le persone e le capacità. Con il manipolo di voti che si ritrovano, grazie alle continue sparate del loro leader Berlusconi che comunque è uomo di spettacolo e quindi crea elettorato, fanno di tutto per piazzare i loro cocchi e di conseguenza le loro pedine per occupare poltrone e poltroncine. Lo stesso vizio democristiano che hanno ereditato anche l’Udc (per fortuna ridotti a poco) e il pd. Altro che seconda repubblica. Qui siamo ancora ai tempi del caf. Manca solo la possibilità di sfondare il rapporto debito pil del 3% e aumentare ancora a dismisura il già pauroso debito pubblico. Ed il gioco è fatto.

  2. Via i vecchi volponi (alcuni) e alè con i nuovi. Ma la sostanza era, è e sarà sempre la stessa: poltrone, potere e gente venduta ad esso…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome