Pd, rivolta anche nella base per le candidature decise da Roma

In diverse correnti del partito, dalla sinistra ai galpertiani, sono forti i malumori per gli elenchi dei candidati decisi da Matteo Renzi

2
Michele Orlando, segretario del Pd di Brescia
Michele Orlando, segretario del Pd di Brescia

E’ rivolta nella base, nel Pd bresciano, per le candidature decise a Roma. L’esclusione di Guido Galperti, infatti, rischia di avere ripercussioni su base locale. Allo stesso modo il fatto che non sia stata inclusa nei posti sicuri per Roma l’orlandiana Miriam Cominelli sta provocando non pochi mal di pancia nella cosiddetta sinistra interna. La Cominelli, va aggiunto, ha chiesto di rientrare nei giochi candidandosi per le regionali, rompendo così l’accordo unitario che indicava in , nel segretario provinciale (che a questo punto sarebbe quello più a rischio) e nel renziano Andrea Ratti i nomi di punta. Ed ora – secondo quanto risulta a .it – alcuni renziani starebbero anche chiedendo una chiusura forzata delle liste per il Pirellone per il timore di nuove sorprese.

Nella base, infine, è forte il dissenso per le candidature piovute da Roma nei collegi uninominali, come quella della della ex grillina Mucci (candidata alla Camera nel collegio di Palazzolo), di Ignazio Messina (in quota Italia dei valori) a Brescia e di (in quota dei socialisti di Insieme) in Valtrompia. Le loro, va precisato, sono candidature di bandiera, ma nel partito c’è chi chiede a gran voce che a portare il vessillo del Pd siano esponenti del partito e non di altre forze alleate.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Insomma grande democrazia e scelte che vengono dal basso anche qui, in un partito che di nome fa “democratico”. Come sempre ipocriti e dispotici, a dispetto delle parole e dei proclami, proprio come il clero, col quale vanno a braccetto….

    • Il record dello schifo renziano a livello nazionale è la candidatura della Boschi al nord, al centro e al sud. In particolare, oltre alla candidatura nel collegio uninominale di Bolzano, il nome di Maria (Etruria) Boschi si trova nei listini proporzionali del Lazio (Guidonia-Velletri), della Lombardia (Cremona-Mantova), e in tre della Sicilia (Marsala, Enna, Ragusa). E il popolo dove abita ? E la sovranità popolare dove abita ? E la democrazia rappresentativa dove abita ? Auguro al PD la più sonora delle batoste possibili…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome