Immigrazione, Bordonali: servono rimpatri e galera nei paesi d’origine

Sicurezza, Simona Bordonali: Brescia penalizzata dall'immigrazione di massa. Servono rimpatri e carcere nei paesi d'origine

1
Simona Bordonali
Simona Bordonali

“Le cronache dello scorso weekend dipingono per l’ennesima volta un quadro desolante sulla insicurezza in città. I problemi sono legati all’immigrazione di massa. Una donna di 33 anni è stata malmenata e rapinata da un clandestino tunisino in zona via dei Mille, catturato grazie al pronto intervento della che ringrazio. Un ragazzo ventenne di Calvisano è stato invece massacrato di botte in via Serpente da una gang di stranieri, solo per aver negato una sigaretta in discoteca. La situazione non è più sostenibile. Servono più Forze dell’ordine sul territorio e il rimpatrio in massa di tutti i clandestini. È necessario inoltre far scontare agli immigrati le pene nei Paesi di provenienza”. Lo ha detto ( – Salvini Premier) assessore alla Sicurezza, Protezione e Immigrazione della in merito agli episodi di cronaca che si sono verificati nei giorni scorsi a Brescia.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Servono, servono. Lo sappiamo tutti. Voi, politici, siete chiamati a fare, non a puntualizzare ciò che non va. Inutile quindi lamentarsi come fa la gente comune. Bisogna individuare le modalità legittime di intervento e attuarle. Altrimenti diventa demagogia….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome