Giovane pestato per una sigaretta, Maione: allarme baby gang a Brescia

L'avvocato forzista chiama in causa anche la prefettura, chiedendo "se l'Amministrazione Comunale intende procedere a richiedere un comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica su tale episodio"

0
Giorgio Maione, Forza Italia
Giorgio Maione, Forza Italia

L’allarme baby gang arriva in dopo l’ennesimo episodio di violenza che ha visto come vittima un giovane di Calvisano. Sabato scorso, il 20enne è stato avvicinato fuori dalla Vinile 45, in via Del Serpente, da una banda di stranieri che gli ha chiesto una sigaretta. Poi è seguito un brutale pestaggio. Un caso che ha fatto discutere e che nelle scorse ore è approdato in Comune con un’interrogazione depositata dal consigliere comunale (ribelle) di Forza Italia di Giorgio Maione.

Nel testo Maione chiede di sapere in particolare “se l’Amministrazione comunale ha mappato episodi similari e ha informazioni e dati statistici sul fenomeno di Baby Gang presenti in Comune e quali interventi intenda adottare al fine di creare gli strumenti adeguati al contrasto e allo sradicamento delle baby gang”. Ma non solo: l’avvocato forzista chiama in causa anche la , chiedendo ancora se la Loggia “intende procedere a richiedere un comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica su tale episodio”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome