Bombe carta in via Gatti, 5 studenti confessano: un gioco

Avrebbero ammesso tutte le responsabilità, affermando di essere pronti a pagare i danni, i cinque giovani individuati dai carabinieri e accusati di aver lanciato una bomba carta contro le casette di via Carta e il campo nomadi di Rezzato

1

Avrebbero ammesso tutte le responsabilità, affermando di essere pronti a pagare i danni, i cinque giovani individuati dai carabinieri e accusati di aver lanciato una bomba carta contro le casette di via Carta e il campo nomadi di Rezzato.

Inizialmente l’Arma aveva battuto la pista politica. Ma poi è emersa un’altra verità, non meno inquietante. I cinque giovani (un universitario 19enne e cinque studenti 18enni di un professionale della città) hanno spiegato che avevano dei petardi avanzati da Capodanno e che quindi hanno deciso di farli esplodere in quel modo. Niente a che fare, dunque, con la politica.

I militari sono arrivati agli autori del gesto grazie alle targhe di un’auto. I cinque sono indagati per getto pericoloso di cose, violazione di domicilio e danneggiamento.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome