Treni choc: bagno rotto, fermata extra per far fare pipì ai passeggeri

I treni lombardi continuano a collezionare problemi di ogni genere. E l'ultimo - clamoroso - caso è quello del convoglio fermato per permettere ai passeggeri di fare i propri bisogni in stazione, non essendoci bagni funzionanti in carrozza

0
Bagno del treno guasto
Bagno del treno guasto

I treni lombardi continuano a collezionare problemi di ogni genere. E l’ultimo – clamoroso – caso è quello del convoglio fermato per permettere ai passeggeri di fare i propri bisogni in stazione, non essendoci bagni funzionanti in carrozza.

A riferirlo è l’edizione odierna di Bresciaoggi, che racconta della corsa del convoglio 2058 di Trenord. Il treno – partito da Verona e diretto a Milano – ha infatti dovuto fare una fermata “di necessità” a Peschiera del Garda. Allungando i tempi di sosta nella stazione per permettere ai pendolari di uscire dalla carrozza e utilizzare i bagni della stazione ferroviaria per i propri bisogni.

E non si tratterebbe di un caso isolato. Perché – sempre secondo il quotidiano di via Eritrea – tre giorni fa la stessa sorte è toccata ai pendolari di un treno partito da Milano. Con diversi passeggeri che sono scesi dal vagone per fare pipì e il treno che li ha aspettati prima di ripartire.

Dal canto suo, Trenord – intervistata dal giornale – promette verifiche, ma sottolinea che “è comunque prassi riconosciuta e adottata dal capotreno quella di chiedere la possibilità di fermarsi per qualche minuto nelle stazioni dotate di toilette in caso di necessità”, aggiungendo che “capita a volte che i bagni siano inagibili o a seguito di utilizzi inappropriati o di atti di vandalismo, purtroppo non infrequenti, o anche perché non è possibile provvedere a scaricare i serbatoi”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome