Aggressioni agli autisti dei bus, Cgil parte civile contro la Sia

Il processo è nato in seguito della denuncia dell’Ats di Brescia contro i vertici di Sia Spa per non aver ottemperato a tutte le prescrizioni necessarie a mettere in sicurezza i propri dipendenti

0
Un episodio di violenza: aggressioni
Minacce ed estorsioni

La Cgil  e la Filt di Brescia, con una nota inviata oggi ai media bresciani, esprimono soddisfazione per essere state  ammesse come parti civili nel processo contro i vertici della Sia  nella vicenda  delle aggressioni agli autisti  dei bus, i cui casi sono sempre più frequenti nella provincia di Brescia.

Il processo è nato in seguito della denuncia dell’Ats di Brescia contro i vertici  di Sia Spa per non aver ottemperato a tutte le prescrizioni necessarie a mettere in sicurezza i propri dipendenti.

La Cgil e la Filt di Brescia hanno deciso di costituirsi parte civile convinti della necessità  di  portare avanti  la propria azione sindacale e  dare risposte  alle lavoratrici ed ai lavoratori a tutela della loro salute e della sicurezza nel loro  luogo di lavoro.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome