Sana Cheema, un amico: tornava in Pakistan per sposarsi, nessuna lite in famiglia

La 25enne pakistana morta nella sua terra natale per cause ancora da accertare: un malore secondo i familiari, un efferato omicidio secondo le cronache di diversi giornali italiani

1
Sana Cheema, in una foto da Instagram
Sana Cheema, in una foto da Instagram

“La conoscevo personalmente come collega di lavoro. Prima di partire mi aveva detto che ritornava in Pakistan per sposarsi. Di minace e litigi famigliari non mi ha mai raccontato nulla. Sentite Condoglianze alla famiglia. Lasciamola riposare in pace”.

A riferirlo è, tramite un post su Facebook, Omar, che si qualifica come un conoscente di Sana Cheema, la 25enne pakistana morta nella sua terra natale per cause ancora da accertare. Un malore secondo i familiari, un efferato omicidio secondo le cronache di diversi giornali italiani.

“I media Italiani”, incalza l’amico nel post, “dovrebbero vergognarsi per avere dato delle notizie false e infondate riguardo la morte di Sana Cheema”. Una posizione simile a quella della comunità pakistana, che domenica ha manifestato per chiedere verità e rispetto. Anche se non sono mancate le polemiche.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome