Maxi frode da 60 milioni di euro scoperta dalla Guardia di Finanza

Emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta e occultamento di documenti contabili i reati commessi

0
Guaria di Finanza, Brescia
Guardia di Finanza

Una maxi frode da 60 milioni di euro nel commercio di rame è stata scoperta dalle Fiamme gialle di Brescia.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica, hanno fatto emergere la frode condotta tra il 2011 e il 2015 da alcune società che commerciavano rame e che hanno emesso fatture false per 515 milioni di euro.

Come chiariscono i media locali, l’attività di indagine ha preso il via da i controlli effettuati dai finanzieri di Pisogne in un’azienda del settore del commercio di metalli non ferrosi e si è estesa poi ad altre sette aziende. Si è trattato, in molti casi, di operazioni commerciali false, riguardanti acquisti mai conclusi.

Emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione fraudolenta e occultamento di documenti contabili i reati commessi e per cui i responsabili delle aziende sono stati denunciati alla Procura della Repubblica.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome