Morte Sana Cheema, il padre confessa: l’ho strangolata

Rischiano una condanna durissima, anche la pena di morte, le tre persone arrestate in Pakistan per la morte di Sana Cheema, la 25enne di origine pakistana - ma residente da anni a Brescia - uccisa ad aprile in patria

4
Sana Cheema, in una foto da Instagram
Sana Cheema, in una foto da Instagram

Rischiano una condanna durissima, anche la pena di morte, le tre persone arrestate in Pakistan per la morte di Sana Cheema, la 25enne di origine pakistana – ma residente da anni a Brescia – uccisa ad aprile in patria.

L’autopsia, come riferito ieri, ha sentenziato che il suo decesso non è stato provocato da cause naturali: l’osso del collo era rotto e per questo è stato ipotizzato lo strangolamento.

Da settimane, con questo sospetto, erano stati fermati in Pakistan il papà di Sana, Ghulam Mustafa, il fratello Adnan Mustafa e lo zio Mazhar Iqbal. Dopo l’esito degli accertamenti medici – secondo quanto riportato da diverse fonti – il padre avrebbe confessato di averla uccisa strangolandola, facendosi aiutare dal figlio.

Resta da chiarire ancora il movente. Secondo le ipotesi investigative la giovane avrebbe pagato lo stile di vita “troppo occidentale” (come Hina Saleem) e il rifiuto di prestarsi al matrimonio combinato per lei dalla famiglia.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome