Furti e condanne in mezza Europa: nomade arrestata, aveva dieci identità diverse

La 34enne di origine croata, arrestata a Marsiglia dalla squadra mobile di Pordonenone, era già stata condannata in numerose città per furto e altri reati

0
Una donna con una maschera, foto generica dal web
Una donna con una maschera, foto generica dal web

Ora dovrà scontare ben 16 anni di carcere. Ma non è detto che nel tempo non se ne aggiungano altri. Aveva ben dieci identità (e potrebbero non essere le uniche), infatti, la 34enne di origine croata, arrestata a Marsiglia dalla squadra mobile di Pordonenone, in collaborazione con la direzione centrale della criminale e con le autorità francesi.

La donna, di origine nomade, aveva messo a segno furti e altri reati in mezza Europa ed era ricercata da ben quattro anni dalle forze dell’ordine. Numerose le condanne a suo carico, e tra queste c’è anche Brescia. Ma – solo per fermarsi all’Italia – si sono espressi su di lei pure i tribunali dei minori di Bologna, Milano e Venezia, oltre a quelli ordinari di Gorizia, Treviso, Trieste, Udine e Venezia. Adesso la farà finalmente il suo corso.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome