L’Europa dice sì alla legge ammazza web: si rischia di pagare per i link

Ieri la commissione Giustizia del Parlamento Europeo ha dato il primo via libera cosiddetto "neighbouring right": BsNews.it dice no

1
Link
Link

Tredici voti a favore e dodici contrari, con il sì decisivo dell’eurodeputato Pd Enrico Gasbarra che si è espresso contro il parere del proprio gruppo. Ieri la commissione Giustizia del Parlamento Europeo ha dato il primo via libera cosiddetto “neighbouring right”: provvedimento che – secondo quanto riporta una nota del’Associazione Nazionale Stampa Online, di cui BsNews.it fa parte – stravolge le regole della presenza in internet per i piccoli editori digitali e ne peggiora la posizione.

Ora la palla passa al Parlamento, che dovrà esprimersi a luglio (con la possibiltà però che 75 membri ne chiedano la revisione). Ma i rischi per chi ha un sito internet sono pesanti. “Il neighbouring right, introdotto attraverso l’adozione dell’articolo 11 della Direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale – spiega il vicepresidente di Anso Matteo Rainisio – obbligherà chi condivide/linka/riproduce contenuti editoriali a remunerare chi li ha prodotti”. Una misura che potrebbe avere effetti devastanti sulla libertà di informazione.

Concretamente, infatti, per condividere o linkare un articolo di BsNews o di qualsiasi altro giornale on line potrebbe essere necessario pagare. Ma lo stesso discorso vale per un’immagine o un meme che un utente vorrà condividere sul proprio blog o sulla propria pagina Facebook. Allo stesso modo gli aggregatori di notizie (da Libero a Virgilio), i più colpiti dal provvedimento, potrebbero essere costretti a pagare gli editori per rilanciare le loro notizie. Ipotesi che fanno felice qualcuno forse, ma che minano lo spirito con cui è nato il web. Per questo BsNews.it non può che ribadire la propria contrarietà, auspicando che il Parlamento europeo vari una norma giusta.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome