Turisti cleptomani sul lago di Garda: rubano i cartelli nei sentieri

L'ultima frontiera della cleptomania riguarda indifferentemente turisti ricchi e meno abbienti

0
Tignale - Fonte Ufficio unico del turismo
Tignale - Fonte Ufficio unico del turismo

Ci sono quelli che si portano a casa gli asciugamani dell’ e quelli che rubano i cartelli segnaletici.

Il fenomeno dei turisti cleptomani non è scomparso, anzi. Si potrebbe dire piuttosto che è cambiato: dai più innocui di shampoo e penne sottratti negli alberghi si è passati alla segnaletica dei sentieri.

Una mania nuova e grave, che ha conseguenze per gli altri turisti, che rischiano di perdersi tra i sentieri proprio per l’assenza dei cartelli segnaletici. L’ultima frontiera della cleptomania riguarda indifferentemente turisti ricchi e meno abbienti, da quelli che alloggiano nei campeggi a quelli che soggiornano negli hotel 5 stelle.

Gli ultimi episodi del genere sono avvenuti a Tignale, dove alcuni turisti si sono portati via i cartelli dei sentieri che ora l’amministrazione comunale sta provvedendo a ripristinare. Almeno 800 i nuovi indicatori in plastica resistente che sostituiranno i precedenti cartelli, nella speranza che questi durino più a lungo.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome