Garda, emergenza continua a San Felice: da dieci giorni l’acqua è vietata

Dalle nuove analisi non arrivano segnali positivi: la contaminazione da Norovirus non è cessata e dunque il divieto rimane in vigore

1
Acqua dei rubinetti vietata
Acqua dei rubinetti vietata

Continua ormai da dieci giorni l’emergenza idrica di San Felice del Benaco. Il problema, come noto, non è la siccità, ma – come in passato – la contaminazione dell’acqua dell’acquedotto da batteri. Una situazione che, lo scorso 28 giugno, ha costretto il primo cittadino – su impulso dell’Ats – a firmare un’ordinanza per vitare l’utilizzo dell’acqua anche per lavarsi i denti e cucinare.

Purtroppo, però, dalle nuove analisi non arrivano segnali positivi. La contaminazione da Norovirus non è cessata e dunque il divieto rimane in vigore. L’acqua potabile viene distribuita agli abitanti del Comune con una cisterna da 15mila litri, mentre due cisterne da 3mila listri sono in funzione a Portese e Cisano. Ogni giorno vengono poi distribuite ai cittadini un migliaio di casse d’acqua in bottiglia, da 9 litri.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome