Peculato, condanna in primo grado per l’ex sindaco di Gavardo

La somma di denaro contestata dal Comune, pari a circa 4.700 euro, era stata già restituita dall'ex sindaco al termine del suo incarico

1
Sindaco Comune Gavardo
Emanuele Vezzola, ex sindaco di Gavardo

Due anni di reclusione per il reato di peculato: questa la condanna in primo grado per Emanuele Vezzola, ex sindaco di Gavardo.

Secondo l’accusa, Vezzola avrebbe usato impropriamente e a fini personali la carta carburante che i dipendenti del Comune di Soiano avevano a disposizione. Il reato sarebbe stato commesso negli anni 2015 e 2016, quando Vezzola era responsabile dell’area finanziaria.

La somma di denaro contestata dal Comune, pari a circa 4.700 euro, era stata già restituita dall’ex sindaco al termine del suo incarico, ma il bonifico di rimborso non è servito a renderlo immune dalla segnalazione e dalla condanna.

La segnalazione è partita proprio dal Comune, che a febbraio – a seguito del rinvio a giudizio del settembre 2017 – si è costituito parte civile.

Sempre a febbraio Vezzola aveva chiesto il rito abbreviato, poi a fine marzo c’era stata un’udienza intermedia, i primi di luglio un rinvio della sentenza.

Ora è arrivata la condanna a due anni e pena non sospesa, con due anni di interdizione dai pubblici uffici. Perchè il provvedimento sia efficace si dovranno attendere, però, nel caso in cui si presenti ricorso, i tre gradi di giudizio.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome