Cimitero Vantiniano: su Facebook la denuncia di furti e degrado

Pareti scrostate e intonaco deteriorato non rendono giustizia al luogo di culto che fu il primo cimitero monumentale d'Italia e il modello per i cimiteri del XIX secolo

0
Cimitero Vantiniano
Cimitero Vantiniano

Dovrebbe essere un luogo di preghiera e di pace, ma anche un sito d’interesse turistico.

E invece, il cimitero Vantiniano è sempre più oggetto di polemiche. A porlo sotto i riflettori questa volta sono i membri del gruppo Facebook “Brescia che non vorrei”, che nelle ultime ore, oltre a denunciare alcuni furti di portalumini e portafiori in ghisa risalenti al 1800, lamentano delle pessime condizioni di edicole, loculi e monumenti sepolcrali.

Pareti scrostate e intonaco deteriorato non rendono giustizia al luogo di culto che fu il primo cimitero monumentale d’Italia e il modello per i cimiteri del XIX secolo.

La situazione di degrado viene denunciata da anni da alcuni fruitori del luogo, che si recano al noto cimitero per far visita ai propri cari defunti e che desidererebbero uno spazio maggiormente dignitoso.

Inoltre, i membri di “Brescia che non vorrei” fanno notare anche la valenza storico-artistica (e turistica) del Vantiniano, il cui interesse dovrebbe toccare tutta la comunità.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome