Monte Orfano: dopo sei secoli, Rovato cede il Convento ai Moretti

Da tempo, il convento fondato nel 1449 era affidato alla festione di due soli frati, di 72 e 85 anni, dell'ordine dei Servi di Maria

5
Il Convento dell'Annunciata di Rovato
Il Convento dell'Annunciata di Rovato

E’ fatta. In molti hanno cercato di scongiurare il passaggio, ma gli elevati costi della struttura e l’età sempre più anziana dei frati che lo animavano non ha lasciato alternative. Dopo sei secoli di vita, infatti, lo storico convento dell’Annunciata sul Monte Orfano – a cavallo tra i Comuni di Rovato e Coccaglio – è stato ceduto con un contratto decennale alla Fondazione Vittorio e Mariella Moretti.

Da tempo, il convento fondato nel 1449 era affidato alla festione di due soli frati, di 72 e 85 anni, dell’ordine dei Servi di Maria. Inoltre l’edificio presenta noti problemi strutturali e ha costi di gestione proibitivi. Da qui la decisione di stipulare un contratto con Terra Moretti Spa, che comunque si è impegnata a valorizzare le caratteristiche spirituali del luogo con un progetto adeguato. Inoltre il Comune di Rovato otterrà diverse giornate gratuite per l’utilizzo del Convento.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

5 Commenti

  1. Finalmente mollano un po’ di beni incamerati nei secoli con imposizioni, superstizioni e credulonerie varie. Tanto per l’attivitá spirituale non dovrebbero servire. E senza i beni materiali finalmente si avvieranno al giysto declino e oblio….

    • Sì, bene, ma da “smobilizzare” ci sono ancora nel mondo immobili per circa 2200 miliardi di euro di proprietà della Chiesa. Forza, che ci sono tante bocche da sfamare…

  2. La grandezza, relativa ed opinabile, di uno, non deve far dimenticare la stragrande maggioranza del resto del clero e del mondo cattolico che, a parole, predica la povertà e la solidarietà, mentre a fatti si arricchisce sulle disgrazie della gente, non rinuncia ai beni ed ai denari estorti con leggi truffa allo stato e quindi a noi cittadini, non ha alcuna intenzione di vivere in povertà ed al servizio del prossimo. Insomma, il turoldo di turno, non assolve e non cancella le tantissime nefandezze che la chiesa ha fatto e fa nel mondo. Anzi, c’è da domandarsi come mai un personaggio che si riteneva fuori dagli schemi, non fosse uscito da mamma chiesa….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome