Marito e moglie arrestati: si erano finti rumeni per avere residenza

I due erano di nazionalità ucraina e - tre anni fa - avevano sfruttato la finta provenienza per ottenere la carta di identità e la residenza a Dello

0
Carabinieri
Carabinieri

E’ una storia davvero singolare – anche se la cronaca racconta sempre più di frequente casi simili – quella avvenuta a Dello, Comune della Bassa Bresciana. Tutto è partito da un normale controllo dei della locale stazione, che – all’altezza di via Roma – hanno fermato l’auto su cui viaggiava una coppia straniera.

Ma quando i due (di 34 e 31 anni) hanno mostrato le patenti, affermando di essere rumeni, le forze dell’ordine si sono immediatamente insospettite e hanno deciso di avviare ulteriori approfondimenti. La Polizia locale di Brescia ha quindi accertato che i documenti erano falsi.

L’ESITO DELLE INDAGINI

Dalle successive indagini – condotte anche attraverso un controllo nella loro abitazione – è emerso che i due erano in realtà di nazionalità ucraina (dunque extracomunitari) e che – tre anni fa – avevano sfruttato la finta provenienza per ottenere la carta di identità e la residenza nel Comune di Dello.

LA CONDANNA A UN ANNO

La coppia è stata quindi arrestata con le accuse di dociumetni falsi, falsità materiale e permanenza irregolare sul territorio italiano (l’uomo anche per guida senza ): entrambi sono stati condannati a un anno di carcere e la loro auto è stata sequestrata.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome