Manzo all’olio di Rovato: ora nome, marchio e ricetta sono brevettati – ECCO LE REGOLE

2
Manzo all'olio di Rovato
Manzo all'olio di Rovato

Il manzo all’olio di Rovato – uno dei piatti più noti della cucina bresciana – è ufficialmente un marchio registrato e chi vorrà utilizzarlo dovrà attenersi alle regole, senza introdurre stravaganze nel piatto. Nelle scorse ore, infatti, l’Ufficio Italiano Brevetti ha accettato la registrazione della denominazione e del brand (realizzato dalla scuola Ricchino di Rovato), chiudendo così il lungo iter avviato mesi fa con l’istituzione della De.Co. (l’acronimo sta denominazione comunale).

Nel nuovo disciplinare (che regolamenta un piatto della cui ricetta ci sono documenti scritti fin dal 1.500) si legge che l’unico taglio di carne autorizzato è il cosiddetto cappello del prete (capè del prèt in bresciano). A questo vanno aggiunti olio extravergine, aglio, acciughe, pan grattato, prezzemolo e Grana Padano Dop. Ma non solo: la delibera spiega anche i tempi di cottura e ricorda che la carne – al fine di garantire una maggiore morbidezza al palato – va lasciata riposare per una nottata in un luogo fresco prima di essere servita.

LE REGOLE PER PREPARARE IL MANZO ALL’OLIO DI ROVATO

A questo link la delibera del comune con il disciplinare e le regole per preparare il Manzo all’olio di Rovato.

IL MARCHIO DEL MANZO ALL’OLIO DI ROVATO

Il logo del Manzo all'Olio De.Co. di Rovato
Il logo del Manzo all’Olio De.Co. di Rovato

LA RICETTA PIU’ ANTICA DEL MANZO ALL’OLIO

RICETTA TRATTA DALLA RACCOLTA DI DONNA VERONICA PORCELLAGA (1554-1593).

Ingredienti:
Carne bovina (scamone o cappello del prete) da 1 kg, un bicchiere d’olio d’oliva, due bicchieri di bianco, uno spicchio d’aglio, prezzemolo tritato, rosmarino tritato, pepe e sale.
Preparazione:
La preparazione deve avvenire il giorno precedente a quello in cui s’intende consumare il piatto. In una pentola alta si mettono l’olio e la carne, si lasciano insaporire appena con i profumi sopra elencati, quindi si aggiungono sale e pepe, si versa il vino e lo si lascia un poco evaporare a fuoco vivace. Si aggiunge un bicchiere d’acqua e si copre il tutto.
La carne deve cuocere a fuoco moderato per due ore abbondanti, quindi la si taglia a fette e le si fa riprendere la cottura per almeno un’ora. Delicatamente le fette vengono poi accomodate in un piatto ovale profondo e lasciate riposare coperte con il loro sugo.
Siccome il sugo rimasto è, di solito, abbondante è possibile utilizzarlo il giorno dopo per cuocervi delle patate a spicchi.V

 

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome